Warning: Declaration of Theplus_Column_Responsive::init() should be compatible with Elementor\Controls_Stack::init($data) in /home/leadfaci/public_html/wp-content/plugins/theplus_elementor_addon/modules/controls/group/plus-column-width.php on line 0
Vitamina A ringiovanente
54.230 Donne Iscritte

Copyright 2016. Benessere Derma. P.IVA 02318000228 Marchio registrato

RIASSUNTO

La vitamina A oltre ad essere un ingrediente fondamentale per la retina e la vista, è indispensabile per la crescita delle ossa e per la funzionalità futura di testicoli ed ovaie, essa è infatti indispensabile per il coretto sviluppo dell’embrione, regolandone la crescita ed i tessuti. Non solo a livello di crescita embrionale e potente alleato della vista, la vitamina A è un potente ringiovanente, essa mantiene e protegge la pelle, i capelli e rinforza il fisico dalle infezioni polmonari, infine è utile per acne e foruncoli.

Le forme biologicamente attive della vitamina A sono il retinolo, la retinaldeide e l’acido retinoico. Il potere ringiovanente della vitamina A, deriva dal retinolo che si trova sia negli alimenti di origine animale ed in quelli di origine vegetale sotto forma di carotenoidi, che sono precursori del retinolo. Un carotenoide davvero molto utile è il licopene, di cui è molto ricco il pomodoro, che consente una straordinaria azione antiossidante, proteggendo le cellule dell’epidermide dall’invecchiamento.

Non solo invecchiamento, la vitamina A è un componente fondamentale nel sistema di manutenzione epidermico e quindi un utile alleato per prevenire e curare le smagliature. La vitamina A aiuta infatti il corpo ad accelerare la crescita di nuove cellule cutanee e quindi a ridefinire lo strappo presente sulla pelle, causato dalla comparsa delle smagliature. Fornire al proprio corpo i quantitativi necessari di Vitamina A ringiovanente vuol dire ricucire in parte o del tutto questi strappi e di conseguenza alleviare i segni delle smagliature, prima si interviene con vitamina A e prodotti specifici e meglio è.

Ma dove trovare la vitamina A? La vitamina A è presente nell’olio di fegato di merluzzo, nel fegato, nel tuorlo d’uovo, nel burro e in molti ortaggi come carote crude, spinaci, cavolo, broccoli, verze, prezzemolo, zucca, spinaci freschi, cicoria, pomodoro e lattuga. Per quel che riguarda la frutta, sono fonte di vitamina A frutti come melone, albicocca, pesca, arancia e anguria, ed in generale tutti i vegetali di colore giallo-arancione.

La vitamina A, oltre ad essere importante per la vista, il sistema immunitario e la crescita cellulare per mantenere la pelle sana e giovane è importantissima anche per altri processi biologici, essa coadiuva infatti le funzioni di cuore, polmoni e reni. Ecco perché la sua assunzione quotidiana è fondamentale.

Ma come faccio a capire se sono carente di vitamina A? Ci sono dei sintomi che indicano chiaramente la carenza di questa vitamina, ecco i principali e più comuni:

  • Pelle e capelli secchi e che cadono
  • Unghie secche, spente e che si spellano
  • Vista annebbiata
  • Cecità notturna
  • Infiammazione delle membrane e mancanza di elasticità della mucosa
  • Iperplasia ossea
  • Rapida perdita di vitamina C

Inoltre abbinare la vitamina A con altri antiossidanti come la vitamina C e E, potrebbe risultare una buona idea e aumentare notevolmente i benefici, grazie all’azione combinata. Attenzione però, la quantità di vitamina A da assumere giornalmente dipende dall’età e dalle condizioni, ecco una tabella di massima di assunzione giornaliera di vitamina A:

Bambini

  • Neonati – 6 mesi: 400 mcg
  • Bebè 7 – 12 mesi: 500 mcg
  • Bambini 1 – 3 anni: 300 mcg
  • Bambini 4 – 8 anni: 400 mcg
  • Bambini 9 – 13 anni: 600 mcg
  • Ragazzi 14 – 18 anni: 900 mcg
  • Ragazze 14 – 18 anni: 700 mcg

Adulti

  • Uomini 19 anni o più: 900 mcg
  • Donne 19 anni o più: 700 mcg
  • Donne incinte 14 – 18 anni: 750 mcg
  • Donne incinte 19 anni o più: 770 mcg
  • Donne in allattamento 14 – 18 anni: 1200 mcg
  • Donne in allattamento 19 anni o più: 1300 mcg

Assumere troppa quantità di vitamina A, potrebbe provocare alcune controindicazioni, come stanchezza, nausea, meno appetito, irritabilità e mal di testa.

Maria

Maria

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

ARTICOLI CORRELATI